Hai mai pensato di curare il tuo Personal Branding online?

Se la risposta è sì: questa guida fa per te! 

L’attività di Branding “è ciò che le persone dicono di te quando esci dalla stanza”. 

Jeff Bezos, fondatore di Amazon, con questa citazione ha perfettamente delineato l’importanza che il branding gioca nel definire un’immagine positiva o meno nelle persone. 

Più nel dettaglio, il Personal Branding, può essere definito come una serie di azioni necessarie per promuovere la propria immagine, professione o quella che si definisce nel linguaggio più tecnico quando si parla di un prodotto o servizio: promuovere la Brand Identity.

La tua immagine personale può essere vista esattamente come quella di un prodotto di una qualsiasi azienda. L’unica particolarità è che tu sei il prodotto che vendi. Le tue skills hanno un valore per il mercato, hai delle caratteristiche uniche che devi essere in grado di raccontare.

Un’efficace attività di Personal Branding permette di migliorare la Brand Reputation o reputazione di marca ed è in grado di influenzare il pensiero critico di chi ci osserva.

In questa mini guida ti elenco dei semplici STEP necessari per migliorare la tua immagine online, puoi sempre approfondire l’argomento qui. 

1°STEP

Per prima cosa devi occuparti del tuo posizionamento: devi definire gli obiettivi che desideri raggiungere con questa attività e dove ti vuoi collocare nella mente delle persone che ti osservano. Impegnati a realizzare un’analisi introspettiva, la “Swot Analysis”, dove definire i tuoi punti di forza/punti di debolezza, opportunità/minacce. 

Analizza le inclinazioni naturali, quali talenti possiedi, gli elementi che distinguono il tuo lavoro da quello degli altri.

Devi sforzarti, devi far emergere il tuo reale profilo, non devi inventare nulla. Quest’attività ti aiuterà a capire quali sono i tuoi punti di forza e in che modo colpire positivamente il tuo pubblico di riferimento. Per approfondire questo argomento e completare la tabella “Swot Analysis” puoi scaricare l’e-book.

2°STEP

Definisci il tuo pubblico target: domandati a chi è rivolta la tua comunicazione, rifletti sulla tua mission e i tuoi obiettivi. Osserva il tuo ambiente di riferimento, rendi la tua proposta unica e di valore.

Nella definizione del tuo Personal Branding è molto importante il concetto di unique value proposition.

Il professionista che punta a comunicare il suo brand online, esattamente come il lancio di un nuovo prodotto sul mercato, deve essere in grado di spiegare perché è migliore dei propri competitors. Cosa rende la tua proposta unica? Perché dovrebbero scegliere te e non altri professionisti? Perché pensi di essere il migliore?

3°STEP

Quando definisci il tuo brand analizza sempre l’ambiente esterno. Valuta il mercato del lavoro e analizzare quale potrebbe essere il settore più adatto a valorizzare il tuo Personal Branding. Rivolgiti ad un mercato dinamico, in continua crescita e soprattuto trova il modo di innovare il tuo settore di riferimento. Una giusta analisi dei mercati potrebbe aiutarti a trovare la tua nicchia e di conseguenza collocarti come “l’esperto di quel specifico argomento”.  

Una volta trovato l’equilibrio giusto tra il proprio brand ed il mercato di riferimento può iniziare l’attività di Personal Branding vera e propria attraverso lo sviluppo di contenuti.

4°STEP

L’importanza dei contenuti 

Ora devi promuovere il valore emerso nell’analisi attraverso un piano strategico di contenuti online che diano forza alla tua immagine.

Tra le attività concrete che puoi realizzare nel breve periodo e con poca economia c’è sicuramente quella di aprire un blog di settore, con articoli verticali e di estremo valore per i tuoi utenti. Puoi creare un sito specializzato su una tematica particolare, una pagina Facebook, un canale you tube o lavorare sulla tua pagina Instagram.

Inizia ad essere il CEO di te stesso: programma le tue attività di marketing e posizionamento online, fatti aiutare da un consulente esperto in materia se necessario ed inizia a sfruttare le opportunità professionali che ti vengono proposte.

Prima di lavorare sui contenuti devi decidere il format, la grafica, le rubriche che vuoi trattare nei tuoi post, le fasce orarie e giorni di pubblicazione. 

Tutto deve essere studiato e strutturato secondo una logica. Mai lasciare un’attività così importante al caso. Molti si perdono proprio in questa fase.

Ora concentrati sul canale da utilizzare: dove vuoi condividere i tuoi contenuti? 

Una volta deciso l’argomento devi capire dove pubblicare, consiglio sempre di lavorare su un solo canale. Ci sono tanti modi per scegliere su quale canale lavorare, ad esempio, se il tuo target è di età compresa tra i 50-60 anni ovviamente i contenuti saranno postati su dei social network adatti al quel pubblico come ad esempio Facebook o Linkedin. Se invece il tuo target è giovanile puoi spostarti su un social di ultima generazione come Tok Tok o Snapchat.

Ora ti starai chiedendo: “riuscirò ad essere costante nella pubblicazione dei miei contenuti?”

La chiave del successo online è proprio la costanza, devi far diventare la pubblicazione dei tuoi contenuti strategici e il monitoraggio delle pagine online parte della routine quotidiana. Se pensi di non riuscire a pubblicare tutti i giorni un post, non ti preoccupare: definisci un piano fattibile, bastano due contenuti a settimana. Puoi anche programmarli una volta al mese tramite dei software appositi come Hootsuite o Onlyput 

Ecco qualche Tool consigliato per la creazione dei tuoi contenuti:

Mojo app: realizza Stories per le tue pagine social con animazioni e musica. Scegli se usare le funzionalità free o sbloccare le tante altre funzionalità PRO.

Onlyput.com: per programmare i tuoi contenuti e pianificare la data di pubblicazione.

Canva.com: crea contenuti grafici per i tuoi social in maniera rapida e gratuita.

Se questo articolo ti è piaciuto, continua il Percorso di personal Branding qui.

Per saperne di più:

CONTATTACI!