Resta aggiornato sulle ultime novità
del mondo Do Business e del Digital Marketing.

Resta aggiornato sulle ultime novità del mondo Do Business e del Digital Marketing.

Resto al Sud: contributi a fondo perduto e finanziamenti a tasso zero

resto al sud

Si rinnova anche per il 2021 il bando di Resto al Sud: l’incentivo a sostegno di nuove realtà imprenditoriali e liberi professionisti è rivolto a soggetti di età compresa tra i 18 e i 55 anni, per effetto dell’estensione prevista dalla Legge di Bilancio. 

L’obiettivo di Resto al Sud è quello di promuovere la nascita e lo sviluppo di nuove imprese e nuove attività professionali nelle regioni del Meridione e del Centro Italia, colpite negli ultimi anni da eventi sismici. 

Cos’è e come funziona Resto al Sud?

Resto al Sud è l’incentivo che sostiene la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali nelle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e nelle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria).

Il bando è rivolto a chi ha un’età compresa tra i 18 e i 55 anni. I fondi disponibili ammontano a 1 miliardo e 250 milioni di euro.

Si può richiedere un finanziamento per avviare attività imprenditoriali per una proiezione futura verso: 

•autoimpiego;

• ampliamento del mercato del lavoro e generale rilancio dell’economia.

Quindi, cosa va a finanziare Resto al Sud?

  • attività produttive nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone
  • turismo
  • attività libero professionali (sia in forma individuale che societaria)

Come funziona il finanziamento?

Le agevolazioni coprono il 100% delle spese ammissibili e sono così composte:

  • 50% di contributo a fondo perduto
  • 50% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi sono interamente a carico di Invitalia.

Nel 2021 La Legge di Bilancio ha incrementato nuovamente il limite di età per accedere a Resto al Sud, che è salito da 45 a 55 anni.

Le domande effettuate vengono considerate in base all’ordine di ricezione, senza bandi, scadenze o graduatorie. 

Share this post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Share on whatsapp

Stay Connected

Altro dal Magazine